REGOLAMENTO anno 2017

scarica il PDF
SCARICA IL REGOLAMENTO

La struttura organizzativa dell’AITR è la seguente:

Presidente
Vice Presidente
Il Consiglio direttivo L’Assemblea dei Soci Il collegio dei Probiviri
Il Comitato Tecnico Scientifico
I Revisori dei Conti se nominati Dall’assemblea

 

art.1)

Possono far parte dell’A.I.T.R. le persone fisiche, appartenenti alle seguenti categorie professionali

Operatore di Macchina/Camera Operator, Tecnico alla messa a fuoco/Focus Puller, Assistente Tecnico alla Camera/Camera Assistant Loader, ,Video Assist Data Manager Digital Imaging Technician, (acronimo D.I.T)

Per l’iscrizione all’Aitr è richiesto Titolo di studio della scuola dell’obbligo o Titolo superiore.

Categorie dei SOCI

  • Soci Ordinari:
    Soci appartenenti alle categorie dell’art.1 con più di 120 giorni lavorativi comprovati

  • Soci Junior:
    I Soci appartenenti alle categorie dell’art.1 con meno di 120 gg lavorative, i Soci Junior sono considerati soci in formazione professionale e sono monitorati nel percorso dalla Commissione tecnico scientifica fino al conseguimento dei requisiti minimi di Socio Ordinario.

  • Soci Sostenitori:
    come definiti nello Statuto

  • Soci Benemeriti:
    come definiti nello Statuto

  • Soci Onorari:
    come definiti nello Statuto

La richiesta d’iscrizione a Socio Ordinario o Junior dovrà avere la presentazione di un Socio Ordinario o due Junior ed è subordinata all’approvazione del Consiglio Direttivo che ne verificherà i requisiti e potrà a sua discrezione richiedere il C.V. e/o un colloquio all’aspirante Socio, anche in via informatica. I Soci Sostenitori, Benemeriti e Onorari, saranno ammessi dietro proposta di almeno due Consiglieri al Consiglio Direttivo, che provvederà a verificarne i requisiti esprimendo eventuale valutazione positiva con votazione a maggioranza semplice.

art.2 )

Quote associative.

Socio Ordinario Prima iscrizione:

40€

Socio Ordinario Rinnovo iscrizione

30€

Socio Junior iscrizione e rinnovo

20€

Le quote associative potranno essere modificate dal Consiglio Direttivo con delibera a maggioranza semplice.

 

art.3) 

Doveri dei soci.

  • Il Socio è tenuto ad avere una reale e costante partecipazione alla vita associativa.
  • Il Socio è tenuto, se formalmente invitato, a partecipare ai lavori del Consiglio Direttivo.
  • Il Socio è invitato a comunicare, al Consiglio Direttivo, l’intenzione di avvalersi della facoltà di esercitare la professione con mansione diversa da quella dichiarata all’atto dell’iscrizione o successivamente modificata. In caso di passaggio permanente ad una categoria differente dovrà rispettare il percorso di riqualificazione professionale eventualmente stabilito.
  • Il Socio è invitato a relazionare all’Associazione le eventuali nuove esperienze tecniche cui collabora, o di cui venga a conoscenza.
  • Il Socio è tenuto al pieno rispetto del CCNL in vigore, e concederà prestazioni professionali solo in presenza di garanzie e certezze del minimo di reparto sia in Italia che all’Estero.
  •  Il Socio Ordinario è tenuto (compatibilmente con lgli impegni lavorativi) a partecipare ai corsi di aggiornamento o riqualificazione, organizzati dall’AITR o da enti terzi presso i quali l’AITR si rivolge
  • Il socio Junior é tenuto ad osservare il percorso formativo indicato dalla Commissione Tecnico Scientifica e a comunicare proprie situazioni lavorative non conformi alle norme del CCNL e alla deontologia professionale per ricevere tutela adeguata ove necessario e a giudizio della commissione Tecnico Scentifica e/o del Consiglio Direttivo.
  • Il Socio è tenuto al pieno rispetto di qualsiasi Delibera sia emanata dagli Organi preposti.
  • Il Socio è tenuto, nello spirito di mutua solidarietà statutaria, a ricercare preventivamente la collaborazione professionale degli altri Soci AITR.
  • Il Socio è tenuto a non divulgare in nessun modo ai non iscritti informazioni sensibili, opinioni personali firmate o discussioni presenti sulle piattaforme social riservate agli iscritti AITR.
  • Il Socio è tenuto a pagare le quote sociali che dovranno essere saldate entro e non oltre l’ultimo giorno di febbraio di ogni anno. il Socio moroso può essere soggetto a deferimento al collegio dei probiviri con eventuali sanzioni secondo il codice disciplinare.

 

art.4) 

COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

Alla struttura organizzativa prevista dallo Statuto si affianca il Comitato Tecnico scientifico composto da almeno 4 elementi compresi tra i soci ordinari e/o personalità esterne all’associazione competenti in materia. Sono nominati dal Consiglio Direttivo con ratifica alla prima Assemblea dei Soci. Il Comitato Tecnico Scientifico resta in carica per un anno. La nomina puo’ essere rinnovata di anno in anno senza limiti di mandato.

Le funzioni del comitato sono:

  • Rilascio dell’ “Attestato di Qualità e Qualificazione Professionale dei Servizi” e verifica delle condizioni per il mantenimento
  • Istituire corsi di aggiornamento per le varie categorie professionali
  • Indicare, supervisionare e valutare il percorso formativo dei Soci Juniores

 

art.5) 

ATTESTATO DI QUALITÀ E DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE DEI SERVIZI

E’ il Documento che attesta il corretto esercizio e l’alta qualità della prestazione lavorativa dell’associato appartenente alle categorie professionali di cui all’art.4 dello Statuto. II Socio ne può fare richiesta all’Associazione. Il Comitato Tecnico Scentifico unitamente al Consiglio Direttivo dopo valutazione del percorso di studio, dell’esperienza professionale, dei percorsi di aggiornamento e della condotta etico-professionale ne approveranno il rilascio. l’Attestato di qualità verrà sottoposto a riconferma ogni 4 anni con le medesime modalità.

Il Socio che viola il presente regolamento potrà essere deferito al Collegio dei Probiviri. Il presente codice e composto da 5 articoli e 3 pagine.